Insufficienze venose: croniche, profonde e passeggere

Insufficienze venose: croniche, profonde e passeggere

- Categoria: Salute

Quando si parla di insufficienza venosa ci si riferisce ad una patologia relativa alla circolazione del sangue che, in questo caso, non avviene in maniera normale e causa diversi probelmi.

I disturbi della circolazione sono purtroppo piuttosto diffusi e possono riguardare gli arti inferiori, superiori e quant'altro.

Insufficienza venosa, cosa vuol dire?

L'insufficienza venosa che riguarda gli arti inferiori è una patologia che mette in risalto un funzionamento del sistema venoso non corretto. Questo problema di salute può causare diversi problemi, a partire dall'aumento della pressione nei capillari, aumento esponenziale della presenza di lacido lattico nel sangue e ipossia.

Naturalmente, come per ogni patologia, è bene agire tempestivamente per curarla. Le cure possono essere farmacologiche, terapeutiche oppure mediche. Qualora si trascurasse il problema la patologia può aggravarsi sensibilmente creando una vera e propria sindrome che porta gonfiore, forte dolore e macchie cutanee. In alcuni casi, anche se rari, il livello di gravità può aumentare ulteriormente portando alla formazione di trombi con tutte le varie conseguenze del caso.

I vari tipi di insufficienza venosa

L'insufficienza venosa può essere declinata in tre categorie differenti, ognuna delle quali presenta una patologia ben precisa e cure mirate alla risoluzione dei problemi. Vediamo quali sono i tre tipi di insufficienza venosa:

-Insufficienza venosa cronica

L'insufficienza venosa cronica è rappresentata dalla totale incapacità del sangue nelle vene di ritornare al cuore, tende infatti a fermarsi negli arti inferiori creando dei pericolosi ristagni.

Le cause di questa patologia possono essere numerose, prima di tutto la dilatazione delle pareti delle vene che possono essere a loro volta causate da alcuni problemi come l'obesità.

È risaputo infatti che essere in sovrappeso favorisce l'insorgere dell'insufficienza venosa cronica, dovuta principalmente al poco movimento che comporta una sorta di lentezza nel pompare sangue a causa delle cellule adipose.

-Insufficienza venosa profonda

L'insufficienza venosa profonda non è altro che una condizione patologica causata dall'ostruzione di una vena a causa di un grumo di sangue, meglio conosciuto come trombo. Questa situazione purtroppo genera problemi al ritorno venoso, proprio per questo viene chiamata insufficienza venosa profonda.

Fortunatamente sono disponibili molte cure, anche di tipo farmacologico, che permettono di poter recuperare al meglio grazie all'effetto anti coagulante.

-Insufficienza venosa passeggera

In alcuni casi l'insufficienza venosa può avere carattere passeggero, quindi non determinata da una particolare patologia. In queste situazione è comunque bene monitorare attentamente l'evoluzione della problematica, parlandone con il proprio medico così da sapere che tipo di farmaci bisogna eventualmente assumere.

Ad ogni modo la condizione passeggera, come dice la parola stessa, tende comunque a svanire da sola senza lasciare particolari problemi.

Quali sono le cause dell'insufficienza venosa?

Sostanzialmente l'insufficienza venosa può essere suddivisa in due categorie, vediamole nel dettaglio:

-Insufficienza venosa organica

Ovvero causata da alcune patologie delle vene come ad esempio la presenza di varici, l'insufficienza venosa profonda, sindrome delle gambe senza riposo e dermatite da stasi.

-Insufficienza venosa funzionale

In questo caso le vene sono in buone condizioni ma sottoposte ad un lavoro eccessivo a causa, per esempio, di linfedema o una mobilità degli arti piuttosto ridotta.

Quali sono i sintomi dell'insufficienza venosa?

Ovviamente i sintomi dipendono dalla gravità della patologia. In linea generale però l'insorgere della malattia si presenta con il gonfiore delle gambe, formicolio, crampi e così via.

Come viene diagnosticata l'insufficienza venosa?

La diagnosi dell'insufficienza venosa è ovviamente clinica attraverso palpazioni e, soprattutto, con l'esame ecocolor doppler che è indispensabile per capire la gravità della patologia e, di conseguenza, si inizierà a valutare la terapia adatta per la cura della malattia.

Quali sono i pazienti più colpiti?

Stastiticamente in età giovanile l'insufficienza venosa colpisce circa il 10% dei maschi e il 30% delle donne. Superati i cinquant'anni però la patologia si manifesta nel 20% dei maschi e nel 50% delle donne.

Pertanto possiamo affermare che le donne sono, statisticamente, più soggette a questo tipo di patologia. Inoltre si può notare come superati in cinquant'anni i fattori di rischio aumentano.

I prodotti per migliorare l'insufficienza venosa

Per coloro che soffrono di insufficienza venosa sono disponibili vari prodotti che Ortopedia Baldinelli mette a disposizione dei propri clienti. Si tratta di prodotti di altissima qualità e certificati per garantire un maggior benessere affrontando la patologia in maniera più serena.

Articoli in relazione

Condividi

Product added to wishlist
Product added to compare.